Cloudflare, CDN, protezione DDOS e SSL gratis per tutti

In questi giorni, per esigenze lavorative, mi sono ritrovato a dover cercare una CDN affidabile e a prezzi abbordabili.

Una CDN (Content Delivery Network), per chi non lo sapesse, è una rete che consente di distribuire contenuti statici (immagini, html, javascript, ecc) su diversi nodi sparsi per il mondo.

cdn

L’utilizzo di una CDN per un sito web consente diversi vantaggi, tra cui quelli principali:

  1. Si aumentano le prestazioni generali, in quanto ogni volta che l’utente ha bisogno di un dato non lo richiede al server centrale, ma al nodo della CDN a lui più vicino. Immaginate che il vostro server sia localizzato in Germania e che la vostra CDN abbia 3 nodi: uno in Europa, uno in America e uno in Australia. Senza il supporto della CDN tutti gli utenti farebbero richiesta al vostro server in Germania, con conseguente frustrazione di quelli più lontani per i tempi di risposta elevati. La CDN si occupa, in maniera totalmente automatica, di indirizzare gli utenti verso il nodo a loro più vicino. Questo significa che un potenziale utente brasiliano sarà indirizzato sul nodo americano, con tempi di risposta molto più rapidi;
  2. Il server principale ha automaticamente un carico di richieste minore e questo può comportare un notevole risparmio economico in termini di banda consumata e di risorse in generale;

Esistono diverse soluzioni commerciali CDN in giro, come CloudFront, Akamai o Azure CDN. Il problema della maggior parte di queste CDN è che sono estremamente costose quando utilizzate su siti ad alto traffico (e quindi ad alto consumo di banda).

La soluzione al problema di banda si chiama CloudFlare.

CloudFlare è una soluzione CDN che ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi anni. Il perchè è facilmente intuibile quando si analizza il loro business model, e la semplicità con cui è possibile attivare servizi avanzati con un click.

Cosa Offre

  • Circa 30 nodi disponibili in tutto il mondo (mappa della rete);
  • Protezione dagli attacchi DDOS. Se qualcuno prende di mira il vostro sito, CloudFlare automaticamente distribuisce le richieste sui suoi nodi, evitando di far andare down il servizio. Contemporaneamente tenta di bloccare le richieste basandosi su un meccanismo di rating interno;
  • Ottimizzazione automatica di immagini e contenuti del sito web, in modo da minimizzare i tempi di download dell’utente;
  • Analisi dei dati (per i piani premium in tempo reale) su quello che sta succedendo sul vostro sito e sulla quantità di banda risparmiata;
  • SSL gratuito per tutti, senza la necessità di sostenere costi aggiuntivi per l’acquisto di certificati firmati.

Quanto Costa

  • Il piano di base è completamente gratuito e include quasi tutte le funzioni messe a disposizione da CloudFlare, compresa l’attivazione di SSL e la conseguente navigazione in modalità sicura con https;
  • I piani pro (a partire da 20$/mese) garantiscono una maggiore affidabilità e velocità del servizio unita a un livello di protezione dagli attacchi DDOS molto più elevato. Per nessun piano è comunque previsto il pagamento di extra per il consumo di banda.

Contro

  • Allo stato attuale l’unico contro che ho rilevato è l’impossibilità di “forzare” la scadenza di un singolo dato memorizzato sulla CDN, senza dover svuotare l’intera cache memorizzata.
  • Mi riservo di aggiornare questo post quando avrò fatto dei test più approfonditi.

Molto comodo anche l’app store con diverse applicazioni (free o a pagamento) che consentono di attivare funzioni avanzate sul proprio sito con un click.

Per ulteriori dettagli vi rimando al sito ufficiale di CloudFlare

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s